Santa Messa

 

Liturgia della Parola

Prima lettura        Salmo responsoriale    Seconda lettura        Vangelo
Omelia                  Credo                             Preghiera dei fedeli

 

 ambone

LITURGIA DELLA PAROLA

In essa Dio stesso parla al suo popolo, manifestandogli i suoi desideri e il suo progetto d'amore, da lui rivelato nella storia della salvezza e in particolare in Cristo.

E' la "Mensa della Parola", dove la Parola viene ascoltata (letture), masticata (omelia), assimilata (silenzio).

La Parola non viene letta, ma proclamata. Chi legge impresta la sua voce a Dio stesso per parlare agli uomini.

La Liturgia della Parola deve essere celebrata in modo da favorire la meditazione; quindi si deve assolutamente evitare ogni forma di fretta che impedisca il raccoglimento. In essa sono opportuni anche brevi momenti di silenzio, adatti all’assemblea radunata, per mezzo dei quali, con l’aiuto dello Spirito Santo, la parola di Dio venga accolta nel cuore e si prepari la risposta con la preghiera. Questi momenti di silenzio si possono osservare, ad esempio, prima che inizi la stessa Liturgia della Parola, dopo la prima e la seconda lettura, e terminata l’omelia

La parte principale della liturgia della parola è costituita dalle letture bibliche con i canti che le accompagnano. Alle letture seguono l’omelia, la professione di fede e la preghiera universale o dei fedeli. Nelle letture , che vengono spiegate nell’omelia, Dio parla al popolo; il popolo fa propria la parola divina con il silenzio e i canti, vi aderisce con la professione di fede e prega per le necessità della Chiesa e la salvezza del mondo.

 

 

 

Le letture

Costituiscono la parte principale della Liturgia della Parola. Nelle letture Dio

- parla al suo popolo

- gli manifesta il mistero dell'amore che salva20190324 111949

- offre un nutrimento spirituale.

Cristo stesso è presente nella sua parola.

Le letture devono essere tratte sempre dalla Sacra Scrittura. In esse viene preparata ai fedeli la mensa della Parola di Dio e vengono loro aperti i tesori della Bibbia. E’ messa in luce l’unità dei due Testamenti e della storia della salvezza. Le letture proposte per la liturgia della parola sono tre più un salmo nei giorni festivi, e due più un salmo in quelli feriali.


Nei giorni festivi le letture variano secondo un ciclo triennale, durante il quale i Vangeli dell’anno A sono secondo Matteo, quelli dell’anno B, secondo Marco, e i Vangeli dell’anno C, secondo Luca; la prima lettura è ricavata normalmente dall’Antico Testamento, eccetto che nel Tempo Pasquale, quando è tratta dagli Atti degli Apostoli, e la seconda proviene dagli Scritti del Nuovo Testamento.

Il Vangelo di Giovanni viene letto come gli altri, non però in un anno specifico, ma nelle domeniche di Quaresima, di Pasqua e in particolari solennità e circostanze.


Nelle 34 settimane del periodo ordinario dei giorni feriali le letture sono suddivise in due cicli, secondo gli anni pari e dispari.

I Vangeli sono tratti per nove settimane da Marco, per dodici da Matteo e per tredici da Luca; le prime letture sono dell’Antico o delGT5 4232 Nuovo Testamento.

Negli altri tempi la scelta delle letture è fatta secondo le caratteristiche del periodo liturgico.

Le letture vengono proclamate dall’ambone.

Il compito di proclamare le letture, secondo la tradizione, non è competenza specifica di colui che presiede, ma di altri ministri. Le letture quindi siano proclamate da un lettore, il Vangelo sia invece proclamato dal diacono o, in sua assenza, da un altro sacerdote. Se non è presente un diacono o un altro sacerdote, lo stesso sacerdote celebrante legga il Vangelo; e se manca un lettore idoneo, il sacerdote celebrante proclami anche le altre letture.

Chi proclama le letture bibliche deve farlo con dignità e proprietà, in maniera che tutti possano udire; la dizione va fatta in modo che la voce renda viva la parola e ne favorisca la comprensione, prestando attenzione a non diventare teatrale.

Dopo le singole letture il lettore pronuncia l’acclamazione e il popolo riunito con la sua risposta dà onore alla parola di Dio, accolta con fede e con animo grato.

La lettura del Vangelo costituisce il culmine della Liturgia della Parola. La stessa Liturgia insegna che si deve dare ad essa massima venerazione, poiché la distingue dalle altre letture con particolare onore: sia da parte del ministro incaricato di proclamarla, che si prepara con la benedizione o con la preghiera; sia da parte dei fedeli, i quali con le acclamazioni riconoscono e professano che Cristo è presente e parla a loro, e ascoltano la lettura stando in piedi; sia per mezzo dei segni di venerazione che si rendono all’Evangeliario

Al termine della prima e della seconda lettura chi legge pronunzia l’acclamazione “Parola di Dio”, intendendo dire che è stata proclamata una parola ispirata da Dio, infatti, come dice Paolo:  “tutta la Scrittura è… ispirata da Dio e utile per insegnare, convincere, correggere e formare alla giustizia” (2 Tm 3, 16GT5 4243). Non è esatto sostituire l’acclamazione con: “E’ parola di Dio”, che non traduce esattamente il latino: “Verbum Domini”. L’assemblea dà onore alla Parola di Dio, accolta con fede e con animo grato rispondendo: “Rendiamo grazie a Dio”.

Al termine del vangelo l’acclamazione è: “Parola del Signore” e intende asserire che si tratta di parola di Gesù e la risposta è: “Lode a te, o Cristo “.

 

Prima e seconda lettura

Nei giorni festivi la prima lettura è in sintonia col tema principale del brano evangelico. La seconda è tratta da un libro della Bibbia, i cui brani vengono proposti in lettura semicontinua per alcune domeniche di seguito. In tempi particolari dell’anno e nelle solennità anche la seconda lettura è in sintonia col tema principale del Vangelo.
Nei giorni feriali le due letture concordano nel tema durante i periodi forti, mentre nelle 34 settimane del tempo ordinario vengono proposti in lettura semicontinua i Vangeli di Marco. Matteo e Luca e brani di vari libri dell’Antico e del Nuovo Testamento.

 

 

 

 

Salmo responsoriale

GT5 4237 Tra la prima e la seconda lettura si colloca il Salmo responsoriale. Si chiama “salmo”, perché è ricavato da uno dei 150 Salmi della Bibbia, responsoriale” (dal latino “responsorium” = risposta) perché rappresenta la risposta della comunità alla Parola di Dio ascoltata nella prima lettura. E’ una preghiera, anch’essa parola di Dio, che vuol essere il commento-risposta all’argomento trattato nella prima lettura. Ha una lunga tradizione; anche gli ebrei usavano alternare nelle loro sinagoghe la lettura col canto dei salmi. Normalmente il Salmo responsoriale viene recitato alternativamente dal lettore e dal popolo, ma sarebbe meglio cantarlo, almeno per quanto riguarda la risposta del popolo.

 

 

 

L’acclamazione prima della lettura del Vangelo

Dopo la lettura che precede immediatamente il Vangelo, si canta l’Alleluia o un altro canto stabilito dalle rubriche, come richiede il tempo liturgico. Tale acclamazione costituisce un rito o atto a sé stante, con il quale l’assemblea dei fedeli accoglie e saluta il Signore che sta per parlare nel Vangelo e con il canto manifesta la propria fede. Viene cantato da tutti stando in piedi, sotto la guida della schola o del cantore, e se il caso lo richiede, si ripete; il versetto invece viene cantato dalla schola o dal cantore.20141012 175003

  1. a) L’Alleluia si canta in qualsiasi tempo, tranne in Quaresima. I versetti si scelgono dal Lezionario oppure dal Graduale.
  2. b) In tempo di Quaresima, al posto dell’Alleluia si canta il versetto posto nel Lezionario prima del Vangelo. Si può anche cantare un altro salmo o tratto, come si trova nel Graduale.

Quando vi è una sola lettura prima del Vangelo:

  1. a) nel tempo in cui si canta l’Alleluia, si può utilizzare o il salmo alleluiatico, oppure il salmo e l’Alleluia con il suo versetto,
  2. b) nel tempo in cui non si canta l’Alleluia, si può eseguire o il salmo e il versetto prima del Vangelo o il salmo soltanto.
  3. c) l’Alleluia e il versetto prima del Vangelo, se non si cantano, si possono tralasciare.

La Sequenza, che, tranne nei giorni di Pasqua e Pentecoste, è facoltativa, si canta prima dell’Alleluia.

 

Vangelo

Vangelo (o Evangelo) è la traduzione del greco εὐαγγέλιον (euanghélion), che significa «Buona Novella».

La proclamazione del Vangelo è preceduta da un’acclamazione, con la quale l’assemblea accoglie e saluta il Signore che sta per parlare nel Vangelo e manifesta la propria fede: Esprime la gioia e la lode per il dono del Vangelo

E’ costituita normalmente da un versetto che si trova nel lezionario e dall’alleluia. L’alleluia (dall’ebraico “allelu-jah”= lodate Jhave= lodate il Signore), che dovrebbe sempre essere cantato, è previsto per tutti i periodi dell’anno, eccetto che nel tempo di Quaresima, quando è sostituito da: “Lode a te, o Cristo, re d’eterna gloria“.
In alcune circostanze, prima dell’alleluia, viene letta o cantata una Sequenza, che è obbligatoria solo per la Pasqua e la Pentecoste. L’assemblea resta in piedi durante il canto o la lettura della sequenza, dell’alleluia e del Vangelo.

Prima che venga proclamato il Vangelo, il Sacerdote (o il Diacono, quando c’è) richiama l’attenzione dei fedeli con l’augurio: “Il Signore sia GT7 7087con voi “ e l’assemblea ricambia: “E con il tuo spirito“, perché chi legge il Vangelo deve essere consapevole del suo alto incarico.

Salutato il popolo viene annunziato il libro da cui è tratto il brano che viene letto; “Dal Vangelo di…“, cui il popolo risponde: “Gloria a te, o Signore“.

Lettore e assemblea affermano così che le parole e i gesti di cui tratta il Vangelo sono di Gesù, che è presente, perché accompagna con la sua assistenza chi con devozione legge e ascolta.

Mentre annunzia la lettura il ministro segna con una crocetta il libro e poi, imitato dai fedeli, traccia tre piccole croci: sulla fronte, perché la parola di Dio occupi la mente, sulla bocca, perché essa venga annunziata agli altri, sul cuore, perché il cuore ne resti infiammato.

Segue la lettura, al termine della quale il sacerdote bacia la pagina letta. Il bacio è rivolto a Gesù, in segno di riconoscente amore.

GT7 7099Al termine, l’acclamazione: “Parola del Signore” e la riposta dell’assemblea: “Lode a te o Cristo“.

Talora dopo la lettura del Vangelo viene ripetuto l’alleluia, ma questo rito non è previsto dalle norme liturgiche.

Quando il Vangelo viene proclamato dal diacono, terminata la lettura, l’evangeliario viene portato dallo stesso diacono al Presidente, che lo bacia.

Nelle Messe solenni, specialmente quando è presente il Vescovo, la lettura del Vangelo è preceduta da altri riti.

Dopo la prima e la seconda lettura, il Presidente pone l’incenso nel turibolo, e lui stesso, o il sacerdote lettore recita la preghiera: “Purifica il mio cuore e le mie labbGT7 7089ra, o Dio onnipotente, perché possa annunziare degnamente il tuo Vangelo“.

Se c’è un Diacono, dopo la posa dell’incenso nel turibolo, questi dice al Presidente: “Benedicimi o Padre” e il Sacerdote risponde: ” Il Signore sia nel tuo cuore e nelle mie labbra, perché tu possa annunziare degnamente il suo Vangelo. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo.”

Il lettore, accompagnato dai due ministranti che portano i ceri, si reca in piccola processione all’ambone in segno di onore a Gesù, e incensa il Libro da cui leggerà il brano evangelico.

Questa processione non è di solo spostamento verso il leggìo, ma evidenzia che il Vangelo è il Vangelo, e noi lo onoriamo stando in piedi, cantando con gioia e preparandoci ad ascoltare la Parola di Gesù.

 

Omelia

L’omelia (dal greco: “omilia” = colloquio familiare) fa parte della liturgia; la richiedono naturalmente le letture bibliche che mediante l’omelia diventano ancora di più Parola viva.

GT5 4254Essa consiste non in una catechesi, ma nella spiegazione o di qualche aspetto delle letture della Sacra Scrittura o di qualche altro testo dell’Ordinario o del Proprio della Messa del giorno, tenuto conto sia del mistero che viene celebrato, sia delle particolari necessità di chi ascolta .

Compito dell’omelia è attualizzare la parola di Dio, esprimere ciò che Dio dice nel tempo presente; in essa deve risaltare la parola della Chiesa circa la parola di Dio.
Chi la pronunzia compie la funzione del profeta che, in nome di Dio, annunzia la sua parola, la spiega e l’applica alla situazione dell’assemblea.

Di solito è tenuta personalmente dal sacerdote celebrante; talora da un sacerdote concelebrante e, secondo l’opportunità, anche da un diacono, non però da un laico.

Nei giorni festivi non può essere omessa, nei giorni feriali di Avvento, Quaresima e nelle feste è vivamente raccomandata, negli altri giorni è consigliata.
E’ opportuno, dopo l’omelia, osservare un breve minuto di silenzio.

 GT7 7101

Professione di fede

A conclusione della Parola di Dio segue il Credo, che è una professione di fede, che va proclamata o cantata in piedi dal Sacerdote insieme con il popolo.

Il simbolo, o professione di fede, ha come fine che tutto il popolo riunito risponda alla parola di Dio, proclamata nella lettura della sacra Scrittura e spiegata nell’omelia; e perché, recitando la regola della fede, con una formula approvata per l’uso liturgico, torni a meditare e professi i grandi misteri della fede, prima della loro celebrazione nell’Eucaristia.

Il simbolo deve essere cantato o recitato dal sacerdote insieme con il popolo nelle domeniche e nelle solennità; si può dire anche in particolari celebrazioni più solenni.

Se si proclama in canto, viene intonato dal sacerdote o, secondo l’opportunità, dal cantore o dalla schola; ma viene cantato da tutti insieme o dal popolo alternativamente con la schola.

Se non si canta, viene recitato da tutti insieme o a cori alterni.

GT7 7134Del Credo il Messale italiano presenta due formulazioni.

Quello comunemente recitato fu introdotta nella Messa della Chiesa di Roma nell’undicesimo secolo, è chiamato simbolo niceno – costantinopolitano, perché proposto prima dai Vescovi riuniti nel Concilio di Nicea (a. 325) e poi accolto, con un’aggiunta, da quelli riuniti nel Concilio di Costantinopoli (a. 381).

Nelle Chiesa d’Occidente contiene in più il termine “fìlioque“, proposto dai vescovi di Spagna.

L’altro è stato introdotto nel Messale nella seconda metà del ventesimo secolo ed è denominato “simbolo Apostolico“, è fatto risalire al tempo degli Apostoli e veniva insegnato agli adulti che si preparavano al Battesimo.
Il termine “simbolo” proviene dal greco e significa segno di riconoscimento.

Il Credo è la “tessera” di riconoscimento del cristiano.

Presenta l’insegnamento della fede sull’Unità e Trinità delle Divine Persone e in un certo senso riassume i fatti salienti della storia della salvezza: creazione, caduta dell’uomo, peccato originale, annunzio del Salvatore, redenzione apportata dal Figlio di Dio con l’incarnazione, passione e morte, risurrezione e ritorno per risuscitare e giudicare l’umanità, Chiesa, sacramenti, vita eterna.

Si genuflette alle parole “ET INCARNATUS EST…” per riverenza all’Incarnazione del Signore; e ci si segna alla fine perché sono state nominate le tre persone della Trinità.

 

Preghiera universale

La preghiera che fa seguito al Credo è una felice innovazione della riforma liturgica avvenuta dopo il Concilio Vaticano II, anche se nei primi secoli era frequente e un esempio di essa si trova nella Liturgia del Venerdì Santo.

Nella preghiera universale, o preghiera dei fedeli, il popolo, risponde in certo modo alla parola di Dio accolta con fede e, esercitando il proprio sacerdozio battesimale, offre a Dio preghiere per la salvezza di tutti. È conveniente che nelle Messe con partecipazione di popolo vi sia normalmente questa preghiera, nella quale si elevino suppliche per la santa Chiesa, per i governanti, per coloro che portano il peso di varie necessità, per tutti gli uomini e per la salvezza di tutto il mondo.

GT5 4282La successione delle intenzioni sia ordinariamente questa:

  1. per le necessità della Chiesa;
  2. per i governanti e per la salvezza di tutto il mondo;
  3. per quelli che si trovano in difficoltà;
  4. per la comunità locale.

Tuttavia in qualche celebrazione particolare, per esempio nella Confermazione, nel Matrimonio, nelle Esequie, la successione delle intenzioni può venire adattata maggiormente alla circostanza particolare.

Spetta al sacerdote celebrante guidare dalla sede la preghiera. Egli la introduce con una breve monizione, per invitare i fedeli a pregare, e la conclude con un’orazione. Le intenzioni che vengono proposte siano sobrie, formulate con una sapiente libertà e con poche parole, ed esprimano le intenzioni di tutta la comunità.

Le intenzioni si leggono dall’ambone o da altro luogo conveniente, da parte del diacono o del cantore o del lettore o da un fedele laico.

Il popolo invece, stando in piedi, esprime la sua supplica con una invocazione comune dopo la formulazione di ogni singola intenzione, oppure pregando in silenzio.