Parrocchia News Parrochia

La Chiesa di Cristo Re in Saiano

  

 DSC 9049raddrizzata

 

 

 

 

 

Preghiera per la solennità di Cristo Re

 

Nell’enciclica Quas Primas, Papa Pio XI proclamò la solennità di Cristo Re per la Chiesa universale. Nella celebrazione della solennità, il Santo Padre ha voluto che l’umanità venisse consacrata al Sacro Cuore di Gesù affinché Cristo regnasse nei cuori degli uomini e il suo Regno potesse venire sulla terra. Il Santo Padre ci ricorda che Cristo è il Re dei cuori poiché essi sono attratti incessantemente dalla sua mansuetudine e benignità: «Nessuno infatti degli uomini fu mai tanto amato e mai lo sarà in avvenire quanto Gesù Cristo». (Papa Pio XI, Quas Primas)

Se anche noi permettiamo a Cristo di prendere possesso dei nostri cuori, Egli stesso diventerà la fonte e l’ispirazione di tutti i nostri pensieri e azioni che coopereranno alla costruzione del Regno di Dio sulla terra e ci doneranno la pienezza della gioia.
Recitiamo in questa solennità la preghiera di consacrazione dell’umanità al Sacro Cuore di Gesù e chiediamogli fermamente di regnare nella nostra vita.

Atto di consacrazione del genere umano al Sacro Cuore di Gesù

« O Gesù dolcissimo, o Redentore del genere umano, riguarda a noi umilmente prostrati innanzi a te. Noi siamo tuoi, e tuoi vogliamo essere; e per vivere a te più strettamente congiunti, ecco che ognuno di noi, oggi spontaneamente si consacra al tuo sacratissimo Cuore.

Molti, purtroppo, non ti conobbero mai; molti, disprezzando i tuoi comandamenti, ti ripudiarono. O benignissimo Gesù, abbi misericordia e degli uni e degli altri e tutti quanti attira al tuo sacratissimo Cuore.

O Signore, sii il Re non solo dei fedeli, che non si allontanarono mai da te, ma anche di quei figli prodighi che ti abbandonarono; fa’ che questi, quanto prima, ritornino alla casa paterna, per non morire di miseria e di fame. Sii il Re di coloro, che vivono nell’inganno e nell’errore, o per discordia da te separati: richiamali al porto della verità, all’unità della fede, affinché in breve si faccia un solo ovile sotto un solo pastore.

Largisci, o Signore, incolumità e libertà sicura alla tua Chiesa, concedi a tutti i popoli la tranquillità dell’ordine: fa’ che da un capo all’altro della terra risuoni quest’unica voce: Sia lode a quel Cuore divino, da cui venne la nostra salute; a lui si canti gloria e onore nei secoli dei secoli. Amen ».

(Indulgenza plenaria, se si recita pubblicamente nella solennità di Cristo Re)

 

 

 cristore

Solennità di Cristo Re

Questa festa fu introdotta da papa Pio XI, con l’enciclica “Quas primas” dell’11 dicembre 1925, a coronamento del Giubileo che si celebrava in quell’anno.

Dice il Papa nell'Enciclica:

« E perché più abbondanti siano i desiderati frutti e durino più stabilmente nella società umana, è necessario che venga divulgata la cognizione della regale dignità di nostro Signore quanto più è possibile. Al quale scopo Ci sembra che nessun'altra cosa possa maggiormente giovare quanto l'istituzione di una festa particolare e propria di Cristo Re. »(Pio XI, Quas primas)

Tale festività coincide con l’ultima domenica dell’anno liturgico, con ciò indicandosi che Cristo Redentore è Signore della storia e del tempo, a cui tutti gli uomini e le altre creature sono soggetti. Egli è l’Alfa e l’Omega, come canta l’Apocalisse (Ap 21, 6). Gesù stesso, dinanzi a Pilato, ha affermato categoricamente la sua regalità. Alla domanda di Pilato: “Allora tu sei re?”, il Divino Redentore rispose: “Tu lo dici, io sono re” (Gv 18, 37).

Pio XI insegnava che Cristo è veramente Re. Egli solo, infatti, Dio e uomo – scriveva il successore Pio XII, nell’enciclica “Ad caeli Reginam” dell’11 ottobre 1954 – “in senso pieno, proprio e assoluto, … è re”.


Il suo regno, spiegava ancora Pio XI, “principalmente spirituale e (che) attiene alle cose spirituali”, è contrapposto unicamente a quello di Satana e delle potenze delle tenebre. Il Regno di cui parla Gesù nel Vangelo non è, dunque, di questo mondo, cioè, non ha la sua provenienza nel mondo degli uomini, ma in Dio solo; Cristo ha in mente un regno imposto non con la forza delle armi (non a caso dice a Pilato che se il suo Regno fosse una realtà mondana la sua gente “avrebbe combattuto perché non fosse consegnato ai giudei”), ma tramite la forza della Verità e dell'Amore. Gli uomini vi entrano, preparandosi con la penitenza, per la fede e per il battesimo, il quale produce un’autentica rigenerazione interiore. Ai suoi sudditi questo Re richiede, prosegue Pio XI, “non solo l’animo distaccato dalle ricchezze e dalle cose terrene, la mitezza dei costumi, la fame e sete di giustizia, ma anche che essi rinneghino se stessi e prendano la loro croce”.

                                                                              

Tale Regno, peraltro, già misteriosamente presente, troverà pieno compimento alla fine dei tempi, alla seconda venuta di Cristo, quando, quale Sommo Giudice e Re, verrà a giudicare i vivi ed i morti, separando, come il pastore, “le pecore dai capri” (Mt 25, 31 ss.). Si tratta di una realtà rivelata da Dio e da sempre professata dalla Chiesa e, da ultimo, dal Concilio Vaticano II, il quale insegnava a tal riguardo che “qui sulla terra il Regno è già presente, in mistero; ma con la venuta del Signore, giungerà a perfezione” (costituzione “Gaudium et spes”).

Con la sua seconda venuta, Cristo ricapitolerà tutte le cose, facendo “cieli nuovi e terra nuova” (Ap 21, 1), tergendo e consolando ogni lacrima di dolore e bandendo per sempre il peccato, la morte ed ogni ingiustizia dalla faccia della terra. Sempre il Concilio scriveva che “in questo regno anche la stessa creazione sarà liberata dalla schiavitù della corruzione per partecipare alla gloriosa libertà dei figli di Dio” (costituzione dogmatica “Lumen Gentium”).


Per questo i cristiani di ogni tempo invocano, già con la preghiera del Padre nostro, la venuta del Suo Regno (“Venga il tuo Regno”) ed, in modo particolare durante l’Avvento, cantano nella liturgia “Maranàtha”, cioè “Vieni Signore”, per esprimere così l’attesa impaziente della parusia (cfr. 1 Cor 16, 22).

 

UN IMPEGNO PER TUTTI
La testimonianza della Fede è la missione di ogni Comunità Cristiana, tutti noi siamo chiamati a rendere visibile l’Annuncio del Vangelo.
 
A VOI   BAMBINI
Chiediamo di essere semplici e gioiosi , e di testimoniare con entusiasmo nei vostri giochi, nella vostra famiglia, in questa comunità la bellezza della Vita e la fiducia in Dio, Padre di ogni Creatura.
 
A VOI RAGAZZI
Chiediamo impegno e serenità nello studio e nel cammino di Fede.
Non abbiate paura di farvi aiutare, e mettete a disposizione tutte le vostre energie e la vostra fantasia per rendere la Comunità fresca, accogliente ed evangelica.
Usate bene il tempo e custodite nel cuore Valori grandi.
 
A VOI GIOVANI
Chiediamo di non perdere la Speranza, di continuare a sognare di progettare il Vostro Futuro  affidandovi senza riserve all’Eterno Padre.
Abbiate il coraggio di regalare un po’ di voi stessi, perché con la Vostra generosità si può costruire un mondo migliore.
 
A VOI ADULTI
Chiediamo di lasciare che la Fede illumini le vostre scelte familiari, lavorative, educative e di vivere con forte responsabilità l’appartenenza alla Comunità.
Ciascuno secondo le sue capacità, il suo tempo, il suo ruolo è chiamato a formarsi e collaborare per il bene di tutti.
 
A VOI ANZIANI
Chiediamo di mettere a disposizione la ricchezza della Vostra esperienza e la pazienza nell’accogliere chi ha iniziato il cammino; Vi chiediamo di offrire le fatiche per il bene della Comunità e di accompagnarci con la preghiera.
 
A TUTTI
Chiediamo di riscoprire la necessità e la bellezza di seguire Cristo, di spezzare insieme il pane di sostenerci nella carità, in forza dello Spirito che ci rende Figli di Dio e fratelli in Cristo Gesù che viene e regna nei secoli dei secoli.